Google+

Lo scrive Federico, lo pensiamo tutti. #pendolaristufi #soppressioni

Lascia un commento

04/07/2015 di Bonfa.it

Federico appartiene al nostro gruppo su facebook e esprime il suo pensiero in merito a quanto sta accadendo in questi giorni sulla nostra linea. Riportiamo tutto il suo post, vi preghiamo di leggerlo perchè non si poteva fare fotografia migliore della situazione:

——————————————————-

Io non entro nel merito della questione dello sciopero.
Per come la vedo io, in questa vicenda è impossibile sapere chi ha ragione e chi ha torto, in quanto si tratta di dinamiche aziendali interne e ognuno ovviamente tende a portare acqua al proprio mulino. Di conseguenza non mi permetto di insultare i macchinisti o chiunque altro.
E’ un dato di fatto che il servizio, il quale, in realtà, non è più definibile neanche un servizio, è un INSULTO alla dignità delle persone che pagano il biglietto e gli abbonamenti (ancora per poco credo, spero), facendo sacrifici e rischiando anche il posto di lavoro per i continui ritardi.

Voglio fare comunque una considerazione generale e oggettiva, senza puntare il dito su chi sia colpevole o meno e senza ovviamente offendere persone, il che è sempre inutile e poco produttivo.

Questa situazione è l’inevitabile conseguenza che si viene a creare quando, come da un anno viene fatto notare da molti degli utenti di questo fantastico comitato, gli interessi e la soddisfazione dell’utente/cliente vengono messi in ultimo piano, scavalcati da tutte le questioni prevalentemente burocratiche possibili e immaginabili.
Quello che sta succedendo ad Atac non è niente di eccezionale cari miei.

Si chiama legge del mercato:
se proponi un servizio (passatemi lo sproloquio) di merda, qualunque servizio! dalla vendita al dettaglio di patate fino ai trasporti pubblici, con dei dirigenti incompetenti, un personale in numero insufficiente e il più delle volte non preparato, formato in maniera non professionale, la conseguenza è solo una e
inevitabile:chiudi bottega, abbassi la serranda, consegni le chiavi e vai a casa.

A differenza però dei negozi di vendita al dettaglio, che devono andare a procacciare feedback nei modi più possibili e immaginabili, Atac ha (che nel giro di poco tempo credo diventerà un “ha avuto”) la possibilità di dialogare con chi quei treni e quelle linee li prende tutti i giorni, e nella gran parte delle volte ha snobbato questa grande fortuna, non capendo che in realtà accontentare chi usufruisce del servizio è la prima forma di guadagno, dando sempre e forse inconsciamente troppo per scontato che “tanto il treno per andà a lavoro lo devono prendere“.

Ovvio che la colpa non è di tutti i macchinisti, che perlomeno sulla nostra linea sono costretti a lavorare su degli emeriti bidet su rotaia, o di tutti i dipendenti, basta vedere gli esempi dell’Ing. Scoppola e di Nicoletta, però purtroppo questa è la situazione oggettiva.

Io ho lavorato quattro anni in un famoso negozio d’elettronica a Porta di Roma e poi questo ha chiuso. Di certo non ha chiuso per colpa mia o di tutti i colleghi, ma sono cosciente che

1) la formula non funzionava

2) i prezzi erano troppo alti

3) la concorrenza era più accanita che mai.

Quella era la realtà del negozio, a prescindere dalle colpe.
Questa è la realtà di Atac, a prescindere dalle colpe.

Queste sono le conseguenze, e lo ripeto per l’ultima volta, di mettere la soddisfazione del fruitore finale del servizio in posizione marginale rispetto al resto. Io non so chi si accollerà queste colpe alla fine, ma onestamente, visto il modo in cui sono trattati i pendolari, mi interessa anche poco.

Scusate se mi sono dilungato ma ho voluto chiudere la questione ed esprimere il mio pensiero tutto insieme.

——————————

Ringraziamo Federico, veramente!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Instagram

Dubbi e perplessità sul (mini) raddoppio della Roma nord li trovate su www.pendolariromanord.com Una rotonda (di firme) per la vita. Grazie ai pendolari della Roma nord e ai tantissimi che hanno firmato per sostenere il progetto, anche nel ricordo di chi non c'è più.  #unarotondaperlavita #sacrofano Fugace pizza dei soci del comitato pendolari ferrovia Roma nord con annessa raccolta firme per la rotonda di Sacrofano #unarotondaperlavita E adesso aspettiamo i tempi della Corte Europea. #ricorso #dirittiumani #pendolarismo Stazione Montebello. Fermo lavori da due anni. #vergogna Il nostro ricorso alla corte europea è partito. #pendolari #romanord

Inserisci il tuo indirizzo email per essere notificato dei nuovi post inseriti.

Segui assieme ad altri 9.887 follower

Categorie

Archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: