Google+

Cambio di paradigma per il pendolare: da pagante a pagato? #segnalazioni #app #romacivitaviterbo #TPL2.0 #ranking

1

15/09/2015 di Bonfa.it

Ormai è dato per certo che la potenza della “rete dei pendolari” su facebook, twitter e sul web in generale è talmente forte che nessun gestore di linee ferroviaria può competere per mole di segnalazioni e presenza “sul campo”.

Per il gestore tutta questa disponibilità di segnalazioni sono oro colato perchè permettono di essere aggiornati e (eventualmente) di intervenire in tempo reale, ove possibile.

Il pendolare (ma la cosa si più riferire a qualsiasi fruitore di servizio pubblico) adesso fa la sua segnalazione tramite applicazione o strumento social (facebook o twitter, per ora) dal suo smartphone o tablet , mentre è in movimento, utilizzando la sua connessione a internet e il suo tempo, quindi è a costo zero per chi si occupa di gestire il servizio. Tutto il costo, oltre a quello del biglietto o abbonamento, è quindi sulle spalle dell’utente.

Ricordiamoci che quando acquistiamo un biglietto o abbonamento, in effetti stipuliamo indirettamente un contratto di servizio, ma chi ne conosce i termini?

Crediamo sia quindi giunta l’ora di pagare i pendolari (certificando quelli più affidabili in base a un meccanismo di ranking o feedback) per il servizio pubblico che fanno, oltre al prezzo del biglietto. Una sorta di rimborso per il tempo speso a contribuire (seriamente) al miglioramento del servizio.

Addirittura si potrebbe spingere l’idea al limite, imponendo sui contratti di fornitura un certo numero di segnalazioni (affidabili) oltre le quali scatta il bonus, e/o scatta la penale o il rilievo verso il gestore, oltre al compenso per il pendolare (o gruppo di pendolari) che segnala con continuità e precisione.

E questo vale per il treno, i bus, la metro, le autostrade e anche per i servizi casalinghi come le forniture di acqua, luce, gas e telefono.

Che ne pensate?

#romacivitaviterbo

#TPL2.0

#segnalazioni

Annunci

One thought on “Cambio di paradigma per il pendolare: da pagante a pagato? #segnalazioni #app #romacivitaviterbo #TPL2.0 #ranking

  1. tiziana ha detto:

    …Come non essere con te!
    Pensa che poi il bonus malus, in caso di non raggiungimento degli standard previsti, è citato nei dispositivi di regolamentazione dei servizi di pubblica utilità (vedi Carte dei Servizi), peccato che quasi nessuno (a parte le aziende di forniture energetiche e servizi di telefonia, a condizioni limitate) la applichi. Più l’ente è un carrozzone, più è evidentemente antieconomico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Instagram

Classifica aggiornata di #soffriConNoi #romanord #pendolari #elezioni Prima di salire è consigliabile fare antitetanica. #rottami #romanord #pendolarismo #soffriCONnoi Parcheggio Montebello, ore 17.30. ladri impuniti in azione... #romanord #insicuri #denuncia Candidato... #soffriCONnoi  https://pendolariromanord.com/2018/01/22/candidato-prendi-il-nostro-treno-soffriconnoi-romanord/ Raddoppio di 5 km su 80 alla modica cifra di 154 milioni di euro. No nuovi treni. Dubbi e perplessità sul (mini) raddoppio della Roma nord li trovate su www.pendolariromanord.com

Inserisci il tuo indirizzo email per essere notificato dei nuovi post inseriti.

Segui assieme ad altri 10.114 follower

Categorie

Archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: