Google+

Cambio di paradigma per il pendolare: da pagante a pagato? #segnalazioni #app #romacivitaviterbo #TPL2.0 #ranking

1

15/09/2015 di Bonfa.it

Ormai è dato per certo che la potenza della “rete dei pendolari” su facebook, twitter e sul web in generale è talmente forte che nessun gestore di linee ferroviaria può competere per mole di segnalazioni e presenza “sul campo”.

Per il gestore tutta questa disponibilità di segnalazioni sono oro colato perchè permettono di essere aggiornati e (eventualmente) di intervenire in tempo reale, ove possibile.

Il pendolare (ma la cosa si più riferire a qualsiasi fruitore di servizio pubblico) adesso fa la sua segnalazione tramite applicazione o strumento social (facebook o twitter, per ora) dal suo smartphone o tablet , mentre è in movimento, utilizzando la sua connessione a internet e il suo tempo, quindi è a costo zero per chi si occupa di gestire il servizio. Tutto il costo, oltre a quello del biglietto o abbonamento, è quindi sulle spalle dell’utente.

Ricordiamoci che quando acquistiamo un biglietto o abbonamento, in effetti stipuliamo indirettamente un contratto di servizio, ma chi ne conosce i termini?

Crediamo sia quindi giunta l’ora di pagare i pendolari (certificando quelli più affidabili in base a un meccanismo di ranking o feedback) per il servizio pubblico che fanno, oltre al prezzo del biglietto. Una sorta di rimborso per il tempo speso a contribuire (seriamente) al miglioramento del servizio.

Addirittura si potrebbe spingere l’idea al limite, imponendo sui contratti di fornitura un certo numero di segnalazioni (affidabili) oltre le quali scatta il bonus, e/o scatta la penale o il rilievo verso il gestore, oltre al compenso per il pendolare (o gruppo di pendolari) che segnala con continuità e precisione.

E questo vale per il treno, i bus, la metro, le autostrade e anche per i servizi casalinghi come le forniture di acqua, luce, gas e telefono.

Che ne pensate?

#romacivitaviterbo

#TPL2.0

#segnalazioni

Annunci

One thought on “Cambio di paradigma per il pendolare: da pagante a pagato? #segnalazioni #app #romacivitaviterbo #TPL2.0 #ranking

  1. tiziana ha detto:

    …Come non essere con te!
    Pensa che poi il bonus malus, in caso di non raggiungimento degli standard previsti, è citato nei dispositivi di regolamentazione dei servizi di pubblica utilità (vedi Carte dei Servizi), peccato che quasi nessuno (a parte le aziende di forniture energetiche e servizi di telefonia, a condizioni limitate) la applichi. Più l’ente è un carrozzone, più è evidentemente antieconomico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

rr-pendolari

Inserisci il tuo indirizzo email per essere notificato dei nuovi post inseriti.

Segui assieme ad altri 9.652 follower

Categorie

Archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: