Google+

Il mistero dell’apertura della nuova stazione di Prima Porta. #giallo #regionelazio #nullaosta #MIT

7

24/03/2017 di Bonfa.it

Qualche settimana fa avevamo scritto l’ennesimo esposto per ricordare alle istituzioni le scandalose perpetue condizioni del parcheggio di Montebello e la mancata apertura della nuova stazione di Prima Porta.

Mentre sul primo tema il silenzio assordante continua a imperare, sul secondo si apre uno squarcio di mistero. Il ministero infatti ci risponde che da quasi UN ANNO E MEZZO ha dato il nullaosta all’apertura della stazione. La “palla” è quindi passata alla Regione Lazio che sembra prendere (e perdere) tempo.

2017-03-24_093745

Ma allora cosa manca? Perchè non si apre e si utilizza questo nuovo edificio, superando anche le odiose barriere architettoniche della vecchia stazione, ma ancora punto di accesso per il treno?

Non riusciamo ancora a capirlo, anche se un’idea ce la siamo fatta. Adesso ribalteremo subito le nostre domande direttamente ai referenti regionali, con questo documento in mano.

A voi i commenti…

 

Annunci

7 thoughts on “Il mistero dell’apertura della nuova stazione di Prima Porta. #giallo #regionelazio #nullaosta #MIT

  1. Alessandro Arcari ha detto:

    Perchè non coinvolgete il M5S? si sta ancora al capezzale di questi ladri burocrati

    Il giorno 24 marzo 2017 09:50, Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord –

  2. Alessandro Arcari ha detto:

    scrivete tutto alle iene a report a tutti quelli che possono rendere pubblico lo sfacio di queste gestioni. ci stanno prendendo per il c.

    Il giorno 24 marzo 2017 10:11, Alessandro Arcari ha scritto:

    > Perchè non coinvolgete il M5S? si sta ancora al capezzale di questi ladri > burocrati > > Il giorno 24 marzo 2017 09:50, Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord –

    • Bonfa.it ha detto:

      Alessandro, abbiamo coinvolto tutti, anche a livello politico (incluso il movimento 5stelle che ricordo è a governo di quasi tutti i municipi di roma). Non ne abbiamo ricavato molto però…

  3. alessandrodarmini ha detto:

    Caro Presidente Bonanni, sono anni che provo a farvi capire che tutto il grande caos che regna sulla ferrovia è figlio della suddivisione delle competenze proprietarie egestionali .
    La Regione (oggi a guida PD) è la proprietaria della linea , dei binari , dei fabbricati e dei treni e il Comune (oggi a guida M5S) attraverso Atac gestisce il servizio di trasporto.
    In pratica per comprendere bene questa cosa , pensiamo ad una situazione molto simile : è come se a casa tua , dove sei proprietario assoluto di tutto , decidi di affidare la gestione dei servizi ad un’altra persona, la quale decide tutto lei e cioè quando ti devi alzare perchè deve pulire , quando e cosa devi mangiare perchè fa lei la spesa e cucina per te , quando e cosa guardare in televisione , chi ricevere a csa e quando , se e in quale stanza andare a dormire ed anche ……con chi andarci !!!………E’ Chiaro ? Si tratta di una situazione che a lungo termine non può andare .
    Ebbene il Comune si occupa dei servizi di questa ferrovia fin dal 2001 cioè da quando , a causa della riforma del Titolo V della Costituzione, le competenze in tema ferroviario sono passate alle Regioni e quindi la Regione Lazio , per l’appunto dal 2001 , non avendo nessuno che potesse gestire i servizi della nostra ferrovia , ha affidato con una semplice Deliberazione di Giunta , mai ratificata in Consiglio Regionale, le competenze del servizio ferroviario al Comune di Roma attraverso l’allora operatore Soc. MeTro.
    Fine della storia !!!
    O si risolve definitivamente questa situazione o i problemi , quelli veri alla radice dei fatti, non finiranno mai !!!
    Alessandro D’Armini

    • Bonfa.it ha detto:

      Alessandro, i muri si abbattono con la tenacia e l’ostinazione, qualità che non mancano a questo comitato. Detto questo, per tutti noi pendolari la situazione è chiarissima…purtroppo. I trasporti pubblici locali soffrono da anni di continui definanziamenti governativi e regionali, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Iene, striscia etc sono venute sulla nostra linea, ma a parte raccogliere indignazione dei pendolari e le solite promesse da marinaio delle istituzioni…che cosa è successo? NULLA.

      • Emanuele ha detto:

        Definanziano però milioni per inutili sottopassaggi al posto dei passaggi a livello nel tratto viterbese li spendono, invece di mettere a posto i binari che cadono a pezzi.
        E proprio perché i soldi sono meno la regione dovrebbe controllare in modo inflessibile che Atac adempia al contratto.

  4. Urc ha detto:

    Ormai i commenti sul pressappochismo imperante cadono nel nulla dei nostri amministratori e della loro corte .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Instagram

Dubbi e perplessità sul (mini) raddoppio della Roma nord li trovate su www.pendolariromanord.com Una rotonda (di firme) per la vita. Grazie ai pendolari della Roma nord e ai tantissimi che hanno firmato per sostenere il progetto, anche nel ricordo di chi non c'è più.  #unarotondaperlavita #sacrofano Fugace pizza dei soci del comitato pendolari ferrovia Roma nord con annessa raccolta firme per la rotonda di Sacrofano #unarotondaperlavita E adesso aspettiamo i tempi della Corte Europea. #ricorso #dirittiumani #pendolarismo Stazione Montebello. Fermo lavori da due anni. #vergogna Il nostro ricorso alla corte europea è partito. #pendolari #romanord

Inserisci il tuo indirizzo email per essere notificato dei nuovi post inseriti.

Segui assieme ad altri 9.887 follower

Categorie

Archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: