Google+

Il mistero dell’apertura della nuova stazione di Prima Porta. #giallo #regionelazio #nullaosta #MIT

7

24/03/2017 di Bonfa.it

Qualche settimana fa avevamo scritto l’ennesimo esposto per ricordare alle istituzioni le scandalose perpetue condizioni del parcheggio di Montebello e la mancata apertura della nuova stazione di Prima Porta.

Mentre sul primo tema il silenzio assordante continua a imperare, sul secondo si apre uno squarcio di mistero. Il ministero infatti ci risponde che da quasi UN ANNO E MEZZO ha dato il nullaosta all’apertura della stazione. La “palla” è quindi passata alla Regione Lazio che sembra prendere (e perdere) tempo.

2017-03-24_093745

Ma allora cosa manca? Perchè non si apre e si utilizza questo nuovo edificio, superando anche le odiose barriere architettoniche della vecchia stazione, ma ancora punto di accesso per il treno?

Non riusciamo ancora a capirlo, anche se un’idea ce la siamo fatta. Adesso ribalteremo subito le nostre domande direttamente ai referenti regionali, con questo documento in mano.

A voi i commenti…

 

Annunci

7 thoughts on “Il mistero dell’apertura della nuova stazione di Prima Porta. #giallo #regionelazio #nullaosta #MIT

  1. Alessandro Arcari ha detto:

    Perchè non coinvolgete il M5S? si sta ancora al capezzale di questi ladri burocrati

    Il giorno 24 marzo 2017 09:50, Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord –

  2. Alessandro Arcari ha detto:

    scrivete tutto alle iene a report a tutti quelli che possono rendere pubblico lo sfacio di queste gestioni. ci stanno prendendo per il c.

    Il giorno 24 marzo 2017 10:11, Alessandro Arcari ha scritto:

    > Perchè non coinvolgete il M5S? si sta ancora al capezzale di questi ladri > burocrati > > Il giorno 24 marzo 2017 09:50, Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord –

    • Bonfa.it ha detto:

      Alessandro, abbiamo coinvolto tutti, anche a livello politico (incluso il movimento 5stelle che ricordo è a governo di quasi tutti i municipi di roma). Non ne abbiamo ricavato molto però…

  3. alessandrodarmini ha detto:

    Caro Presidente Bonanni, sono anni che provo a farvi capire che tutto il grande caos che regna sulla ferrovia è figlio della suddivisione delle competenze proprietarie egestionali .
    La Regione (oggi a guida PD) è la proprietaria della linea , dei binari , dei fabbricati e dei treni e il Comune (oggi a guida M5S) attraverso Atac gestisce il servizio di trasporto.
    In pratica per comprendere bene questa cosa , pensiamo ad una situazione molto simile : è come se a casa tua , dove sei proprietario assoluto di tutto , decidi di affidare la gestione dei servizi ad un’altra persona, la quale decide tutto lei e cioè quando ti devi alzare perchè deve pulire , quando e cosa devi mangiare perchè fa lei la spesa e cucina per te , quando e cosa guardare in televisione , chi ricevere a csa e quando , se e in quale stanza andare a dormire ed anche ……con chi andarci !!!………E’ Chiaro ? Si tratta di una situazione che a lungo termine non può andare .
    Ebbene il Comune si occupa dei servizi di questa ferrovia fin dal 2001 cioè da quando , a causa della riforma del Titolo V della Costituzione, le competenze in tema ferroviario sono passate alle Regioni e quindi la Regione Lazio , per l’appunto dal 2001 , non avendo nessuno che potesse gestire i servizi della nostra ferrovia , ha affidato con una semplice Deliberazione di Giunta , mai ratificata in Consiglio Regionale, le competenze del servizio ferroviario al Comune di Roma attraverso l’allora operatore Soc. MeTro.
    Fine della storia !!!
    O si risolve definitivamente questa situazione o i problemi , quelli veri alla radice dei fatti, non finiranno mai !!!
    Alessandro D’Armini

    • Bonfa.it ha detto:

      Alessandro, i muri si abbattono con la tenacia e l’ostinazione, qualità che non mancano a questo comitato. Detto questo, per tutti noi pendolari la situazione è chiarissima…purtroppo. I trasporti pubblici locali soffrono da anni di continui definanziamenti governativi e regionali, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Iene, striscia etc sono venute sulla nostra linea, ma a parte raccogliere indignazione dei pendolari e le solite promesse da marinaio delle istituzioni…che cosa è successo? NULLA.

      • Emanuele ha detto:

        Definanziano però milioni per inutili sottopassaggi al posto dei passaggi a livello nel tratto viterbese li spendono, invece di mettere a posto i binari che cadono a pezzi.
        E proprio perché i soldi sono meno la regione dovrebbe controllare in modo inflessibile che Atac adempia al contratto.

  4. Urc ha detto:

    Ormai i commenti sul pressappochismo imperante cadono nel nulla dei nostri amministratori e della loro corte .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Instagram

Classifica aggiornata di #soffriConNoi #romanord #pendolari #elezioni Prima di salire è consigliabile fare antitetanica. #rottami #romanord #pendolarismo #soffriCONnoi Parcheggio Montebello, ore 17.30. ladri impuniti in azione... #romanord #insicuri #denuncia Candidato... #soffriCONnoi  https://pendolariromanord.com/2018/01/22/candidato-prendi-il-nostro-treno-soffriconnoi-romanord/ Raddoppio di 5 km su 80 alla modica cifra di 154 milioni di euro. No nuovi treni. Dubbi e perplessità sul (mini) raddoppio della Roma nord li trovate su www.pendolariromanord.com

Inserisci il tuo indirizzo email per essere notificato dei nuovi post inseriti.

Segui assieme ad altri 10.114 follower

Categorie

Archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: